Benvenuto nel portale dei sitemi Museali di Ruvo di Puglia - clicca per andare alla home page
motore di ricerca
Feed RSS

Territorio - Il Castello

 

 

 

castello_1.gif

Il Castello è situato nell'estremità nord occidentale del nucleo antico della città di Ruvo ed è costituito attualmente da una costruzione quadrangolare di probabile fondazione normanna e da tre corpi, più bassi rispetto alla torre, disposti intorno ad un atrio, al quale si accede tramite un androne denominato Arco Melodia; quest'ultimo è situato sul lato meridionale del suddetto atrio. Il fronte meridionale si affaccia sull'attuale Piazza Matteotti. Ad ovest il Castello è fiancheggiato da una serie di costruzioni realizzate nei primi anni del 900, mentre ad Est della torre si innesta perpendicolarmente l'impianto di Palazzo Melodia, costruito nel XIX secolo nel giardino del Castello.

La prima notizia sul Castello si ha nel 1179, in occasione delle concessioni fatte dal Castello da parte del feudatario di Ruvo Roberto di Basaville, Conte di Conversano e Loretello, in favore della Chiesa di S. Leonardo di Siponto.

castello_2_piccola.gif



Il Castello, al momento della sua realizzazione, era costituito dalla sola torre quadrangolare, risalente al X-XI secolo, le cui aperture controllavano le quattro direzioni di accesso alla città.

Infatti le piccole monofore a Ovest (tipiche delle torri di difesa) permettevano il controllo della via proveniente da Canosa che ricalcava sicuramente il tracciato dell'Antica via Traiana; la bifora sita sul lato meridionale e la trifora a nord (entrambe realizzate nel XIII secolo durante il regno di Federico II in Puglia) controllavano rispettivamente la strada proveniente da Gravina e quella che collegava Ruvo al suo antico emporio marittimo (Respa, sito nell'attuale città di Molfetta); mentre le monofore e le logge (ora non più visibili integralmente), situate a est, guardavano il centro abitato.

 

 

 

Attualmente, attraversando l'Arco Melodia, si entra nell'interno dell'atrio dove sono visibili le scale addossate alla torre e un arco a sesto acuto del XIII secolo, ora murato, il quale probabilmente costituiva uno degli ingressi dall'esterno.

castello_3.gif

castello_4.gif

La torre e l'arco erano inseriti in un sistema bastionato (provvisto di bastioni, ancora oggi esistenti negli angoli nord-est e sud-est, alti 5,40 metri, di cui il primo di forma quadrangolare e il secondo curvo). La struttura aveva, quindi, la funzione di presidio per l'accesso alla città, per cui solo con la successiva riorganizzazione urbana, il castello con il suo cotile bastionato, fu inserito all'interno della cerchia muraria.

Nel XIV secolo sotto il domino degli Angioini, al complesso del castello fu aggiunta una ulteriore struttura di difesa: la Torre di Pilato. Situata sul lato ovest dell'attuale Piazza Regina Margherita, la Torre di Pilato era di forma circolare, alta 33 metri e munita di un bastione poligonale (denominato "rivellino"), posto alla sua base ed elevato sino al secondo piano della Torre, in quanto meglio rispondente alla difesa dalle armi da fuoco. La Torre fu utilizzata in seguito dai Carafa come prigione nei sotterranei. Nel 1879 l'Amministrazione Comunale fece abbattere il bastione, mentre la Torre crollò nel febbraio del 1881.

castello_5.gif

castello_6_piccola.gif

Nel XV secolo anche il Castello subì delle modifiche; infatti, fu realizzata la cannoniera, tuttora esistente, per adeguare la struttura alle nuove tecniche di attacco. Per un certo tempo il castello continuò a svolgere la funzione di difesa e fu roccaforte francese e spagnola. Dal XVI secolo seguì la sorte degli altri edifici militari: persa, infatti, la sua funzione originaria, fu trasformato in residenza ducale, dove i Carafa risiedettero. Nel 1809 e nel 1811 i Carafa cedettero il giardino orientale e il castello a Cesare Montaruli per la costruzione del Palazzo della Principessa Melodia, nipote di quest'ultimo.



 

 

 

 

Cerca nel Wiki
 
WEBCAM
 
NEWS
Video del Progetto
Su questo sito nella sezione posta in alto a sinistra denominata " mediateca" troverete il video del Laboratorio " Primavera della Lettura 2013".
Servizio di digitalizzazione e pubblicazione su web di materiale bibliografico posseduto dalle bibli
Storia locale. Bari e il suo territorio e Emeroteca digitale della Puglia in formato digitale.

Sistema Museale Ruvo di Puglia - Piazza Matteotti Giacomo, 31, tel: +39 080 9507111, fax: +39 080 3611515, e-mail ruvocomunica@comune.ruvodipuglia.ba.it

Sito internet realizzato da  Progetti di Impresa Srl - Copyright © 2009 ::
Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità :: access key :: mappa del sito :: privacy 
leggibilità Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica